Category: Porti

enit italia giappone

Savona, porto delle crociere, in prima assoluta alla tv giapponese

Una troupe televisiva giapponese, con la collaborazione dell’Ufficio Enit di Tokyo, ha filmato aspetti curiosi e meno noti di alcuni porti crocieristici italiani e dei loro dintorni. La prima puntata del programma della rete televisiva BS12 andrà in onda il 10 aprile e presenterà la città di Savona; l’8 maggio sarà la volta di Civitavecchia – dove si trova la chiesa dei Santi Martiri Giapponesi con la Madonna in costume giapponese – e Roma, per finire il 5 giugno con La Spezia e le Cinque Terre (nella foto). Interessante è capire che cosa attira i giapponesi dell’Italia, cosa vogliono vedere...

Platform 1 sovr

Piattaforma di Vado Ligure: stato di avanzamento lavori al 45%

I lavori di realizzazione della piattaforma multipurpose procedono ed hanno raggiunto uno stato di avanzamento di circa il 45%. A certificarlo è OTI Nord Ovest, l’osservatorio territoriale sulle grandi infrastrutture creato da Assolombarda, Unione Industriali di Torino e Confindustria Genova. Agli inizi dell’anno è stata approvata la variante costruttiva che prevede una realizzazione, tutta in terrapieno, a fronte dell’iniziale progetto parzialmente “a giorno”. Nella variante sono ricomprese anche le predisposizioni edili per una possibile futura alimentazione elettrica alle navi in banchina (cold ironing). “L’avvio dell’operatività del terminal container – sottolinea il rapporto di OTI Nord Ovest – su un primo...

DCF 1.0

Ufficiale l’ingresso dei cinesi (49,9%) in Reefer e APM Terminals Vado

E’ stata perfezionata nei giorni scorsi la transazione con cui le società cinesi Cosco Shipping Ports e Qingdao Port International Development di Hong Kong hanno acquisito rispettivamente il 40,0% e il 9,9% del Reefer Terminal di Vado Ligure, di cui la società olandese APM Terminals del gruppo armatoriale danese A.P. Moeller-Mærsk resta l’azionista di maggioranza (50,1%). Contestualmente, come previsto dall’intesa siglata nell’ottobre dello scorso anno, per effetto della transazione a Cosco Shipping Ports spetterà il 40,0% delle azioni e a Qingdao Port International Development il 9,9% delle azioni del container terminal di APM Terminals Vado, una volta completata nel 2018...

DSCF5099

La giunta di Vado Ligure presenta il conto ad Authority e APM Terminals

Non avrà l’effetto di una campana suonata a martello, ma l’amministrazione di Vado Ligure, nella nota integrativa che accompagna il Documento Unico di Programmazione 2017-2019, di prossima discussione in consiglio comunale, quantomeno batte un colpo sulle vicende dello sviluppo portuale. Mettendo una dietro l’altra le risposte e le rassicurazioni che intende ricevere sia dall’Autorità di Sistema Portuale sia dal soggetto promotore e futuro gestore dell’opera, ovvero APM Terminals Vado Ligure, che oggi non è più unicamente un gruppo danese (Maersk) ma anche cinese (con il 49,9% delle quote). Cosa chiede ai firmatari dell’Accordo di programma del 2008 e alle multinazionali...

Volo ph-merlo 130914-1384

La piattaforma portuale di Vado ha bisogno di un “tagliando” politico

Cinque mesi fa, verso la metà di ottobre 2016, è stato annunciato il nuovo assetto proprietario della società di gestione della ancora futura della piattaforma multipurpose di Vado Ligure. Il gruppo danese Maersk, che dall’avvio dell’iniziativa, 10 anni fa, deteneva la totalità delle quote di APM Terminals Vado Ligure, ha mantenuto il 50,1% del capitale, cedendo all’armatore cinese Cosco poco meno del 40%, mentre un altro gruppo cinese, Qingdao, detiene il 10%. Gli accordi con i cinesi, va ricordato, includono anche la gestione del Reefer Terminal di Vado, uno dei più grandi nel Mediterraneo, con una capacità di 275 mila...