Category: Osservatorio Savona

Authority in fumo

Distrutta da un incendio la sede di Savona dell’Autorità Portuale

Dopo l’autonomia hanno perso anche la sede, causa incendio. L’avveniristico palazzo a sei piani occupato dal gennaio 2017 dai dipendenti dell’Autorità Portuale non accasati a Genova, è stato avvolto ieri per alcune ore da fiamme e fumo. Avrebbe dovuto rappresentare, nell’immaginario di chi l’aveva pensato e di chi l’aveva progettato, la celebrazione di uno porto che negli anni Duemila macinava record di traffici, con numeri e prestigio in forte crescita. Doveva essere per l’Authority la soluzione ad un problema di immagine non indifferente, quello di avere una sede all’altezza dei programmi di sviluppo destinati a raggiungere il top con l’attuazione...

DSCF5518

Il rebus di Savona e del Ponente: oggi isolati, domani soffocati  

  Sono le ultime ore a disposizione delle imprese per partecipare al bando di Invitalia che concede contributi agli investimenti produttivi sul territorio dell’Area di crisi complessa del Savonese. Il termine. Già prorogato di 15 giorni, scade lunedì 1 ottobre e dall’entità delle iniziative presentate dipende in larga misura lo sviluppo economico della Valle Bormida, del comprensorio di Vado Ligure e Quiliano, del comune di Villanova d’Albenga. A disposizione sono 20 milioni di contributi messi a disposizione dallo Stato e altrettanti che saranno stanziati entro la fine dell’anno dalla Regione Liguria. Opportunità che se non utilizzate a fondo aggiungerebbero altri...

areacrisi-2-1024x419

Decreto Genova: dal gettito Iva 25 milioni per il porto di Savona

  Due spiragli di luce per Savona in mezzo ad un mare di problemi, provvisorietà di ogni genere, confusione: primo, sono stati allungati di due settimane i tempi del bando per l’Area di crisi e, secondo, il decreto del governo su Ponte Morandi destinerà il 3% del gettito Iva generato dalle merci portuali all’Autorità di Sistema Genova Savona (complessivamente circa 95 milioni di euro). A tempo quasi scaduto, il direttore generale di Invitalia, Carlo Sappino, ha prorogato dal 17 settembre all’1 ottobre (ore 12) il termine di presentazione da parte delle imprese delle domande di partecipazione al bando che concede...

nodoZinola

Crollo di Ponte Morandi: ora rischia anche il casello di Bossarino

  Il braccio di ferro sulle concessioni autostradali rischia di complicare la realizzazione del nuovo casello Autofiori di Bossarino, by-pass fondamentale per evitare che i contenitori movimentati al terminal Apm di Vado Ligure si riversino in massa sul nodo logistico di Savona-Zinola, saturandolo. L’opera, prevista dall’aggiornamento dell’Accordo di Programma tra Regione Liguria, Autorità di Sistema Portuale, Provincia di Savona e Comune di Vado Ligure, allargato alla società per l’Autostrada dei Fiori (gruppo Gavio), prevede un investimento – a carico della concessionaria autostradale – di 34 milioni, a cui si aggiungeranno 9 milioni anticipati dall’Authority portuale per la sistemazione della superstrada...

DSCF5859

La giungla dei Tir rischia di paralizzare il nodo stradale tra Vado e Zinola

  Ai problemi iniziati lo scorso anno con le più rigide normative sull’autotrasporto introdotte in Francia, si è aggiunto, quest’anno, lo stop ai Tir ordinato dal sindaco di Albisola Superiore. Il provvedimento è per ora limitato a quel comune e al solo venerdì pomeriggio, ma l’effetto imitazione ed estensione non è assolutamente da escludere. Conseguenza più immediata è che l’autoporto al casello autostradale di Savona è intasato dal venerdì alla domenica sera e che, a cascata, il “tutto esaurito” si ripete su ogni piazzola di sosta lungo il percorso autostradale e, al di qua del casello, sulla direttrice corso Svizzera...