Category: Osservatorio Savona

20170329_XT1F8363

Piattaforma di Vado Ligure: ripartono i cantieri, ferie ridotte ad una settimana

Sulle aree di Vado Ligure si giocherà, e non è la prima volta, la campagna d’autunno dell’economia savonese. Con qualche spiraglio di ottimismo in più rispetto alle considerazioni di inizio anno. Che scontavano l’incessante groviglio di crisi aziendali, l’esplosione della cassa integrazione straordinaria, le incertezze sull’evoluzione del più rilevante progetto di sviluppo infrastrutturale del territorio (la piattaforma portuale di Apm Terminals), con un visibile rallentamento dei lavori. E il dubbio che tutto potesse fermarsi in attesa di tempi migliori. Poi, a luglio, dopo che la febbre da cassa integrazione si è drasticamente abbassata e con la conferma degli incentivi agli...

DSCF5167

Invasione dei Tir: nodo autostradale di Savona al limite del collasso

Costretti a correre per non soffocare. Ma, nello stesso tempo, impossibilitati a farlo per mancate scelte strategiche intorno alle grandi infrastrutture. Ritardi a cui si sono ora aggiunte modifiche normative nei trasporti adottate da altri Paesi ma che stanno avendo clamorose ripercussioni alle porte di Savona. E’ la situazione che si vive nell’area del nodo autostradale di Legino, trasformato in bivacco di autotrasportatori che non intendono sottostare alle nuove regole francesi che non consentono ai conducenti di trascorrere sul camion il cosiddetto riposo settimanale (45 ore senza guidare). Di fronte all’alternativa (poco gradita) di andare in albergo, lasciando incustodito il...

margonara

Margonara: e ora chi dirà a Gambardella che deve rifare il progetto?

Si fa un gran parlare, in questi giorni, del destino del fronte mare di Savona, tra le Funivie e la Madonnetta. C’è un autentico revival di progetti, incontri, enti che litigano, prese di posizione spumeggianti e autorevoli, come quelle di Oliviero Toscani e Vittorio Sgarbi, ma anche irremovibili “niet” di ecologisti veri e di associazioni. Non è invece pervenuta, al di là di una dichiarazione di cortesia ma dai contenuti poco definiti, l’opinione di Giovanni Gambardella. Eppure, nonostante qualcuno sembri volerla esorcizzare, la presenza di Gambardella nelle aree ai confini tra Savona e Albissola Marina è alquanto ingombrante. L’ingegnere genovese...

DSCF5147

La resa incondizionata del porto: per Savona la crisi è più che complessa

Con la nomina di Marco Sanguineri, dirigente della pianificazione del porto di Genova, a segretario generale dell’Authority unica, si è chiuso il cerchio – ma verrebbe da dire il cappio – intorno ai residui spazi di manovra dei porti di Savona e Vado Ligure all’interno di un sistema messo in piedi dal ministro Delrio ma la cui genesi meriterebbe ulteriori approfondimenti. Perché appare evidente che se l’idea era quella di realizzare un’armatura portuale forte a livello regionale, alla riforma manca un elemento fondamentale, il porto della Spezia. Se invece l’obiettivo era molto meno ambizioso, ovvero quello di scacciare una fastidiosa...

2013est 040

Il problema della Provincia: per tappare le buche servono gli autovelox

La Provincia di Savona lamenta, con buone ragioni, di non avere i soldi per tappare le buche e falciare l’erba incombente sugli 800 chilometri della rete di strade che ha in gestione. E se ne preoccupa, a salvaguardia della propria e altrui incolumità, presentando un esposto cautelativo alla Procura della Repubblica. Ma a pochi chilometri da Palazzo Nervi c’è chi il problema dell’altrui sicurezza l’ha praticamente risolto, risolvendo nello stesso tempo i propri problemi di bilancio. E’ il Comune di Quiliano, che lo scorso anno – dati di bilancio – ha incassato, quali “proventi da repressione degli illeciti” (ovvero multe),...