L’agricoltura presidio fondamentale contro il dissesto del territorio

1540_villa-serra

Il roadshow “Il paese che vogliamo” promosso da Cia-Agricoltori Italiani su scala nazionale e lanciato il 2 settembre scorso proprio dalla provincia di Savona, con l’evento di Sassello, tornerà a fare tappa in Liguria lunedì prossimo, 16 dicembre, con l’appuntamento in programma dalle 15,30 a Villa Serra di Comago (nella foto), nel comune di Sant’Olcese, con la partecipazione di sindaci, amministratori, produttori agricoli, esponenti dell’associazionismo e delle istituzioni.

«Spesso, in contesti che possiamo definire ibridi come quello della Valpolcevera – spiega Ivano Moscamora, direttore regionale di Cia – alle esigenze delle aree rurali non corrispondono quegli insediamenti produttivi e quella cultura del territorio tipici delle aree a vocazione contadina e che, ormai, si stanno in larga parte perdendo. Avere confuso gli insediamenti abitativi con il presidio e la cura del territorio che li ospitano rappresenta una delle maggiori cause delle tante difficoltà oggi incontrate nella gestione del suolo».

Rispetto ad un fenomeno quantomai urgente ed attuale come il dissesto idrogeologico – conclude il direttore di Cia Liguria – è dunque necessario adottare un approccio totalmente nuovo, che riparta dalla consapevolezza del ruolo di presidio rappresentato dall’attività agricola. Siamo convinti infatti che l’agricoltura tutta, non solo quindi quella praticata a livello professionale, possa diventare il collante del tessuto economico e sociale di territori “agrometropolitani” in molte vallate della Liguria. Di questo parleremo il 16 dicembre, mettendo attorno allo stesso tavolo operatori agricoli, amministratori locali, rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni, per passare in rassegna le più positive tra le esperienze in atto e ragionare insieme su soluzioni condivise».

You may also like...