Solo Alassio, nonostante tutto, riesce a salvare la stagione turistica 2019

alassio_ombrelloni

Il mare potrà anche cancellare la spiaggia, ma Alassio resta in vetta alle preferenze dei turisti che scelgono la provincia di Savona per le vacanze estive. Lo hanno confermato anche i dati, peraltro in profondo rosso, del movimento turistico di luglio diffusi dall’Osservatorio Regionale. A fronte di una flessione delle presenze negli esercizi ricettivi, su base provinciale, del 6,7%, Alassio ha limitato le perdite registrando un lieve -1,1%, che porta perfettamente in equilibrio il bilancio dei primi 7 mesi dell’anno: 564 mila presenze, con una crescita, ad essere pignoli, di 70 pernottamenti. Tra l’altro, contrariamente ad altre località, il trend alassino è stato sostanzialmente simile a luglio sia per i clienti italiani sia per quelli stranieri, entrambi a -1,1%.

Altre sensazioni, invece, in altri importanti centri balneari della provincia. A Loano il mese di luglio è stato pessimo con presenze in calo del 10,2% (da 109 a 98 mila), appesantendo il bilancio dei primi 7 mesi dell’anno: 355 mila presenze con una flessione del 6,3%. Loano è stata disertata in luglio soprattutto dagli stranieri (-18,4%) mentre gli italiani sono diminuiti del 5,7%; il calo degli stranieri da inizio anno è stato pari al 13,3%. Calo solo leggermente inferiore per Finale Ligure, con 125 mila presenze a luglio (-7,8%) e 430 mila tra gennaio e luglio (-6,7%). Anche a Finale vistoso il calo dei turisti esteri: -10,7% a luglio e -10,4% nei primi sette mesi dell’anno.

 

You may also like...