I primi 300 quintali di mirtilli piemontesi sono arrivati alla Noberasco

20180214_XT1F4690

Trecento quintali di mirtilli piemontesi sono arrivati a Carcare, stabilimento Noberasco, nell’ambito dell’accordo di filiera tra Coldiretti Piemonte e azienda, avviato nello scorso mese di maggio. Un’operazione basata sulla qualità, innovazione e sana alimentazione. I mirtilli sono un toccasana: contengono 45 calorie ogni 100 grammi, sono ricchi di antiossidanti, aiutano la salute del fegato, sono amici del cuore e rinforzano il sistema immunitario.

“Un ulteriore passo avanti per valorizzare la produzione frutticola piemontese che dimostra la volontà di continuare a lavorare in sinergia con l’azienda ligure che ha sposato, attraverso anche l’adesione a Filiera Italia, la filosofia della sana alimentazione, della trasparenza e della sostenibilità – affermano Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa delegato confederale -. Stiamo registrando, nella nostra regione, una crescente attenzione alla coltivazione dei mirtilli tanto che la superficie coltivata è in aumento arrivando a circa 600 ettari, condotti da più di mille aziende, per una produzione di oltre 10 mila quintali. Grazie a questo accordo, quindi, siamo in grado di offrire ai consumatori un prodotto di qualità, sano, genuino e di cui è possibile tracciare l’origine”.

“Recenti ricerche – aggiunge Mattia Noberasco, amministratore delegato dell’azienda valbormidese -evidenziano che in Nord America il mirtillo viene consumato quotidianamente da una trentina di anni mentre in Europa è entrato nelle abitudini alimentari solo negli ultimi dieci anni. Oggi anche grazie alla maggiore conoscenza delle proprietà salutistiche del frutto il consumo è cresciuto. Per questo siamo convinti che la sinergia con Coldiretti Piemonte sia positivo volano per incrementare questo trend e insieme a partner come loro e Filiera Italia è possibile soddisfare le aumentate richieste dei consumatori anche grazie all’innovazione varietale proprio come nel caso dei mirtilli piemontesi”.

 

You may also like...