Sono solo 33 le imprese giovanili savonesi nei settori innovativi

digital-transformation

 

Liguria maglia nera, o quasi, per numero di imprese giovanili nei settori legati all’innovazione. In un anno, tra il 2018 e il 2019, le società attive sono diminuite da 206 a 199 con una flessione del 3,4%, a fronte di una crescita del 4% a livello nazionale, secondo le stime della Camera di Commercio di Milano che ha elaborato i dati del primo trimestre dei due anni. Genova è al primo posto su scala regionale con 126 sedi di impresa giovanile su un totale di 1.939 imprese attive nei settori innovativi (+3,3% in un anno); segue Savona con 33 imprese di giovani su un totale di 366, ma erano 34 nel 2018; Imperia con 24 imprese di giovani su 256 (4 in meno rispetto allo scorso anno) e La Spezia con 16 su 313, con una flessione di 6 imprese in un solo anno.

Gli addetti alle imprese giovanili nei settori dell’innovazione in Liguria sono soltanto 203 su un totale di addetti pari ad oltre 13.600, di cui ben 10.700 concentrati in provincia di Genova. Le 33 attività innovative giovanili in provincia di Savona impiegano 37 addetti, pari al 2,8% dei 1.328 lavoratori complessivi nei settori innovativi. Numeri che indicano una sostanziale scarsa propensione dei giovani a mettersi in gioco nelle attività più complesse ma anche più ricche di opportunità.

Le imprese giovanili in Italia nei settori dell’innovazione sono 12.366 e crescono del 4% in un anno. Un’impresa su dieci nei settori innovativi è giovane (a Savona la percentuale è del 9%) e tra i giovani gli stranieri pesano 12% e le donne 22%. Le imprese danno lavoro a 13 mila addetti. Roma è prima per imprese (1.060 sedi, +1% in un anno) seguita da Milano (973, +11%), Napoli (938, +4%) e Torino (548, +12%), Milano concentra il maggior numero di addetti (1.157) insieme a Roma (1.145).

 

You may also like...