Convenzione urbanistica sblocca l’investimento Flexopack a Villanova

L1030963 copia

Tra Comune di Villanova d’Albenga e la società Flexopack è stata raggiunta l’intesa sulla convenzione urbanistica che consente di sbloccare l’investimento da 4,5 milioni per l’ampliamento degli impianti dell’azienda ingauna, oggi tra i più importanti produttori europei di shopper, sacchi per la raccolta rifiuti e borse in materiale plastico. Il progetto, redatto dall’architetto Luigi Muratorio di Albenga, interessa un’area di 11.400 metri quadrati, di proprietà Flexopack, confinante con i fabbricati aziendali, lungo la strada provinciale 43 della Valle Arroscia. Il terreno, in zona agricola, non è più utilizzato da anni, ma per destinarlo ad uso produttivo è necessaria una variante urbanistica al Prg. Sull’area è prevista la realizzazione di un nuovo fabbricato rettangolare, circa 100 metri per 38, affacciato sulla provinciale, dove troveranno sistemazione il magazzino prodotti, i laboratori e alcuni uffici.

La nuova sistemazione del magazzino consentirà un nuovo e più agevole accesso per i veicoli pesanti. Inoltre, secondo l’’intesa raggiunta con il Comune di Villanova di Albenga, Flexopack realizzerà due parcheggi pubblici, uno di 1000 metri quadrati (22 posti auto) sulla strada provinciale e un secondo di 500 mq. (8 posti auto con spazi pedonali e area verde) su via Paganini. Il tetto del nuovo fabbricato avrà una copertura in pannelli fotovoltaici in grado di erogare una potenza di 120 kilowatt.

Flexopack, società creata negli anni Sessanta da Nicola Trimboli per la commercializzazione all’ingrosso di imballaggi flessibili, si è nel tempo trasformata in struttura industriale, dotandosi di impianti per l’estrusione, la stampa (nella foto) e la saldatura nonché di un reparto per la rigenerazione di materiali plastici. Da alcuni anni è anche attivo, accanto allo stabilimento, un centro di esposizione e vendita diretta. La superficie occupata si aggira oggi intorno ai 25 mila metri quadrati e gli addetti sono una settantina. Con l’ampliamento in programma si stima una crescita occupazionale di 11 lavoratori.

You may also like...