Traffici portuali 2019: nei primi tre mesi Savona (+0,7%) meglio di Genova (-7,4%)

DSCF5216

Lieve ma soddisfacente incremento nel primo trimestre 2019 del traffico delle merci movimentato dal porto di Savona Vado: 3 milioni 820 mila tonnellate a fronte dei 3 milioni 790 mila del gennaio-marzo 2018, pari ad una crescita dello +0,7%, che è un dato sicuramente positivo rispetto alle attese. Vanno infatti sottolineati i problemi collegati agli effetti della mareggiata di fine ottobre, con numerosi cantieri aperti nei due scali e le ormai consolidate conseguenze negative del crollo di ponte Morandi.

L’aumento è dovuto principalmente alla performance (+14,6%) del traffico delle rinfuse solide che si è attestato a 807 mila tonnellate, di cui 219 mila tonnellate di carbone (-18,2%), 117 mila tonnellate di cereali e semi oleosi (-10,8%), 24 mila tonnellate di minerali (-52,8%) e 446 mila tonnellate di altre rinfuse secche (+75,9%). In lieve incremento anche le merci varie che hanno totalizzato 1 milione 390 mila tonnellate (+0,3%), di cui 1 milione 60 mila tonnellate di rotabili (-1,2%), 97 mila tonnellate di frutta (-19,7%). Sono state 106 mila tonnellate le merci containerizzate (+60,7%) con una movimentazione di contenitori che è risultata pari a 12.843 teu (-23,8%), 84 mila le tonnellate di prodotti forestali (+61,6%) e 42 mila tonnellate di acciai (-43,0%).

Nei primi tre mesi del 2019 il traffico dei passeggeri è stato di quasi 100 mila persone, con un calo del -16,4%, di cui 79 mila crocieristi (-19,9%), 11 mila passeggeri dei traghetti (-6,1%) e 11 mila passeggeri di altri servizi (+4,2%). Anche sul dato delle crociere influiscono i lavori in corso per abbassare di due metri il fondale del terminal per renderlo agibile alle navi di massima dimensione.

C’è anche un altro dato che contribuisce a mandare in archivio con moderata soddisfazione l’attività portuale savonese nel primo trimestre. Ed è il confronto con i traffici del porto di Genova, che tra gennaio e marzo sono diminuiti del 7,3% a 12 milioni 931 mila tonnellate. A conferma che il trend è in generale negativo, e che quindi anche un modesto incremento, in qualche caso, è un piccolo successo. Aspettando, ovviamente, il 2020 e il nuovo terminal contenitori in attività.

 

You may also like...