Luciano Pasquale è il nuovo presidente dell’Autostrada dei Fiori

20160927_XTF8733

Luciano Pasquale è il nuovo presidente della società Autostrada dei Fiori, controllata dal Gruppo Gavio attraverso la Sias, Società Iniziative Autostrade e Servizi, quotata in Borsa. Pasquale (nella foto con il governatore ligure Giovanni Toti), già vicepresidente di Autofiori e presidente della Camera di Commercio Riviere di Liguria che riunisce le tre ex camere di Imperia, La Spezia e Savona, è stato nominato dall’assemblea della società che si è riunita questo pomeriggio nella sede di Imperia per rinnovare il consiglio di amministrazione. Sostituisce al vertice di Autostrada dei Fiori Spa il notaio imperiese Franco Amadeo, giunto a conclusione del mandato.

Nel consiglio, composto da 15 membri, sei sono indicati dagli enti pubblici azionisti e tra questi ricade, a termini di statuto, la scelta del presidente, nonostante la partecipazione complessivamente detenuta da questi enti sia minoritaria sia rispetto all’azionista privato di maggioranza (71%) sia rispetto alla quota detenuta da Banca Carige (20,6%). La Camera Riviera di Liguria detiene il 4,9% del capitale. I nuovi amministratori resteranno in carica per un anno. Confermati in consiglio i savonesi Rino Canavese e Vincenzo Bertino.

L’Autostrada dei Fiori rappresenta un’infrastruttura strategica per il sistema economico del ponente ligure e questo ruolo è stato ulteriormente rafforzato con l’acquisizione dell’Autostrada Torino Savona; i tronchi autostradali gestiti dalla società comprendono ora i due tronchi che si dipartono da Savona verso il confine francese e verso il Piemonte, mettendo al centro del sistema il nodo di Savona. Anche in quest’ottica va probabilmente letta la nomina di un savonese al vertice societario, incarico che era solitamente appannaggio di un consigliere indicato dagli enti pubblici imperiesi. Tra i temi territoriali “caldi” che coinvolgono l’Autofiori va ricordata l’ipotesi di realizzazione del nuovo svincolo di Bossarino, alle spoalle di Vado Ligure, per garantire il flusso dei traffici legati all’entrata in funzione della piattaforma contenitori di Apm Terminals.

You may also like...