Ponte delle Fucine riveduto e corretto: riprende l’iter del progetto

DSCF5368-1024x522

Riprende martedì prossimo, 19 marzo, con una conferenza dei servizi in istruttoria, l’iter amministrativo per l’approvazione del progetto di demolizione e ricostruzione del ponte crollato in località Fucine, nel comune di Murialdo, in seguito all’alluvione del 24 novembre 2016. Sarà una videoconferenza tra i rappresentanti di una ventina di enti e società coinvolti nella procedura, in collegamento tra la Regione Liguria e la Provincia di Savona.

La progettazione, finanziata da un contributo regionale di 145 mila euro con cui è stato anche realizzato un guado provvisorio a valle del ponte tra la strada provinciale 51 e le borgate Grassi, Pallareto e Conradi, è stata realizzata dallo studio tecnico Gioana Gravina Ingegneri Associati di Torino, affiancato da un gruppo di professionisti che comprende anche lo studio francese Pmm Ingenieurs Conseils, l’ing. Stefano Putero e il geologo Alberto Bonino di Ivrea.

Il nuovo ponte sarà costituito da travi tralicciate ad arco unico in acciaio. La scelta del Comune è ricaduta su questa tipologia sia perché ritenuta più adeguata sotto l’aspetto dell’inserimento nel contesto paesistico della vallata, sia perché più economica. Il costo del nuovo ponte è comunque stimato in oltre un milione di euro. Nei mesi scorsi l’Amministrazione comunale, per ridurre al minimo l’impegno finanziario, ha proceduto ad alcune modifiche progettuali.

Tenuto conto dell’urgenza di poter disporre di un nuovo ponte (l’attraversamento del guado è precario in situazioni di allerta meteo, la giunta ha dato incarico ai tecnici di procedere ad una revisione del progetto definitivo ed esecutivo che permetterà, pur mantenendo l’attraversamento del fiume con una campata unica a struttura portante in acciaio, di ridurre la carreggiata adottando una larghezza netta di 4,50 m con la realizzazione, lato monte, di un marciapiede pedonale sopralzato di 1,20 metri di larghezza.

You may also like...