Bando a Celle per gestire il bar-ristorante dell’ex discoteca Alborada

DSCF5799

Un canone annuo di 12 mila euro. E’ quanto chiede il Comune di Celle Ligure per affidare in gestione il piano terreno dell’ex discoteca Alborada, da destinare a bar e ristorante. Il piano superiore dell’edificio, che si trova in località Piani, tra la via Aurelia e il lungomare, è stato adibito a biblioteca comunale. Il bando per dare in gestione l’esercizio pubblico è curato dalla Centrale unica di committenza coordinata dal Comune di Albisola Superiore e prevede l’assegnazione per un periodo di 6 anni, con possibilità di rinnovo per altri sei.

Il bando è a procedura aperta e sarà gestito con modalità telematica. L’aggiudicazione avverrà con il criterio dell’offerta più vantaggiosa per l’amministrazione comunale, attraverso la valutazione delle proposte tecniche del servizio e dell’offerta economica. Il termine di presentazione delle offerte è fissato per martedì 12 marzo alle ore 12. Il gestore dovrà affrontare spese di ristrutturazione, costi di acquisizione di attrezzature per il bar, la cucina e l’arredamento del locale, per un importo stimato in oltre 150 mila euro. Il Comune di Celle, a fronte di questo esborso, riconoscerà un bonus di 50 mila euro da scontare sul canone d’affitto (che in pratica non sarà pagato per i primi 4 anni).

L’Alborada di Celle Ligure è stato uno dei locali simbolo della “movida” estiva savonese. L’amministrazione municipale aveva incaricato gli architetti paesaggisti Danilo Demi e Anna Pisani, di Albissola Marina, di elaborare lo studio di fattibilità, il restyling e la trasformazione in biblioteca del ristorante – discoteca di lungomare Crocetta, di proprietà comunale, dopo due anni di chiusura, con l’ultimo gestore sfrattato per morosità.  Aperto negli anni Ottanta come ristorante “Ippocampo”, il locale aveva conosciuto numerosi cambi di gestione, non riuscendo mai a consolidarsi nonostante l’invidiabile posizione e il contesto di grande valenza turistica.

You may also like...