A Riva Trigoso il varo della nuova fregata: madrina la savonese Rosa Anna Aonzo

 

fregatta fremm

Sarà la figlia di Giuseppe Aonzo, medaglia d’oro savonese al Valor Militare, la madrina della nona fregata multiruolo della Marina Militare, il cui varo è previsto sabato prossimo, 26 gennaio, nel cantiere di Riva Trigoso. Ad annunciarlo è Luca Ghersi, presidente del Gruppo Vanni Folco di Savona dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia: “Lo Stato Maggiore della Marina ha individuato, nel ruolo di madrina del varo, la dottoressa Rosa Anna Aonzo, nostro socio onorario, figlia del guardiamarina Giuseppe Aonzo, eroe dell’impresa di Premuda. Ringrazio il capo di Stato Maggiore della Marina Militare ammiraglio Valter Girardelli che, con questa scelta, onora il nostro grande concittadino, la città di Savona, la famiglia ed i marinai savonesi”.

L’unità (nella foto) sarà intitolata a Spartaco Schergat, eroe dei mezzi d’assalto che prese parte alla leggendaria azione del dicembre 1941 quando sei marinai italiani, partiti dal sommergibile Scirè a cavalcioni di tre siluri, affondarono nel porto di Alessandria d’Egitto le corazzate Inglesi Queen Elizabeth e Vailant e danneggiarono il cacciatorpediniere Jervis e la petroliera Sagona. I sei marinai (Luigi Durand de La Penne, Emilio Bianchi, Antonio Marceglia, Spartaco Schergat, Vincenzo Martellotta, Mario Marino) furono decorati di medaglia d’oro al Valor Militare.

Ventitre anni prima Luigi Rizzo e Giuseppe Aonzo al comando di due Mas, erano stati protagonisti di un’azione analoga, nella base della flotta austro-ungarica a Premuda, conclusa con l’affondamento della corazzata Santo Stefano. A Giuseppe Aonzo è intitolata dal 2007 la sede della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Savona mentre dal 2013 un suo busto bronzeo, opera della scultrice albissolese Anna Matola, è posizionato nel viale dei Pini, all’interno dell’Accademia Militare di Livorno.

You may also like...