La Farmacia degli Ingauni ceduta a due dipendenti per diritto di prelazione

 

DSCF4985

La Farmacia Comunale degli Ingauni di via Dalmazia è stata definitivamente ceduta a due dipendenti che lavorano nella stessa farmacia e che hanno esercitato il diritto di prelazione previsto dal bando di vendita. Il prezzo d’acquisto è pari a un milione 33 mila euro e 33 centesimi, lo stesso che in sede di gara era stato offerto dalla concorrente risultata vincitrice, Maria Laura Manzi, titolare della Farmacia San Rocco di Ceriale. La farmacia comunale di via Dalmazia era stata posta in vendita per un importo a base d’asta di 939 mila euro, come da stima del perito Angelo Sirocchi.

La procedura di gara prevedeva clausole in base alle quali il personale attualmente impiegato nella gestione della farmacia sarebbe rimasto alle dipendenze dell’amministrazione comunale e il riconoscimento del diritto di prelazione ai dipendenti delle farmacie comunali ingaune. L’11 ottobre scorso si erano concluse le operazioni di gara da cui era risultato che la migliore offerta era stata quella presentata dalla farmacia di Ceriale.  A seguito dell’aggiudicazione provvisoria, è stata avviata la fase di esercizio del diritto di prelazione da parte degli 11 farmacisti comunali in possesso dei requisiti.

Lunedì scorso, 17 dicembre, la commissione di gara si è riunita ed ha constatato che due dipendenti della Farmacia degli Ingauni, Daniela Sconti e Cettina Varrasi, avevano fatto valere il diritto di prelazione, che consente a chi lo esercita di prevalere sulla migliore offerta presentata in gara, a condizione di pagare lo stesso importo: 1.033.000,33 euro. E’ stata quindi dichiarata decaduta l’aggiudicazione provvisoria alla Farmacia San Rocco e, concluse le verifiche, la cessione della Farmacia degli Ingauni alle due (ormai ex) dipendenti è diventata definitiva. Manca solo la firma del contratto.

 

You may also like...