Grandine di ottobre: chiesto “stato di eccezionalità” in quattro comuni

garlenda3

La Regione Liguria ha chiesto al ministero delle Politiche Agricole il riconoscimento del carattere di eccezionalità della violenta grandinata che si è verificata il giorno 1 ottobre nel ponente savonese e che ha causato danni alla produzioni olivicole, orticole e floricole di alcuni comuni delle province di Imperia e Savona. La richiesta, finalizzata ad ottenere la concessione delle provvidenze previste dal decreto legislativo 102/2004, riguardano i comuni di Villanova d’Albenga, Garlenda (nella foto), Laigueglia e Cesio, dove i danni hanno superato la soglia del 30% della produzione lorda vendibile, facendo scattare le condizioni previste per i risarcimenti.

I benefici comprendono contributi in conto capitale fino all’80 per cento del danno accertato, nonché prestiti agevolati ad ammortamento quinquennale per le esigenze di liquidità relative all’esercizio 2018. Prevista anche la proroga delle operazioni di credito agrario e agevolazioni previdenziali. La parola passa ora al ministero che, espletate le proprie verifiche, dichiara, con decreto ministeriale, l’esistenza del carattere di eccezionalità dell’evento individuando territori e provvidenze applicabili.

Se e quando interverrà la dichiarazione di “eccezionalità dell’evento calamitoso”, gli interessati, entro il termine perentorio di 45 giorni dal giorno successivo alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del decreto, potranno presentare domanda di concessione dei benefici al Settore Ispettorato Agrario Regionale, indicando le provvidenze richieste.

 

You may also like...