Rimborso Irap: braccio di ferro tra Comune di Savona e Agenzia Entrate

palais sistò

Che tra il Comune di Savona e l’Agenzia delle Entrate sia in corso un contenzioso legale per un rimborso Irap richiesto dall’Amministrazione municipale alla fine dello scorso anno e negato, nei fatti, dagli uffici di via Alessandria, era già noto. Così come l’intenzione dell’Agenzia di non dare corso alla richiesta. Ma la guerra fredda tra i due enti si sta sviluppando con l’utilizzo di tutti i mezzi burocratici a disposizione, ossia moltissimi e per nulla spuntati. Capita così che l’avvocato delle Entrate, Antonio Lovisolo, dopo che la giunta comunale ha autorizzato il sindaco a promuovere la causa per recuperare i soldi, ha chiesto al Comune di versare alla stessa Agenzia la somma di 480 euro quale contributo per l’iscrizione a ruolo della causa presso la Commissione Tributaria Provinciale di Savona. Come a dire: poi vedremo come andrà a finire, ma tanto per cominciare paga per aprire la partita.

Il problema riguarda gli anni tra il 2013 e il 2016, per un ammontare complessivo di 66 mila euro, oltre agli interessi maturati. Si tratta di un contenzioso riguardante la deducibilità del premio Inail dalla base imponibile Irap sulle retribuzioni che, sostiene il Comune, è stata sancita da due successive sentenze della Corte di Cassazione. Di fronte al silenzio – rifiuto opposto dall’Agenzia delle Entrate non c’è stato altro da fare che presentare ricorso.

 

You may also like...