Giornate Fai nel carcere di Sant’Agostino e nei sotterranei di Albenga

Volo Savona ph-merlo 141020-0942

Un weekend, il prossimo, in cui fermare lo sguardo, spesso distratto, sulle bellezze poco conosciute e inaccessibili del nostro Paese, grazie agli itinerari tematici e alle aperture speciali proposti dal FAI – Fondo Ambiente Italiano in 250 città italiane: l’occasione saranno le Giornate FAI d’Autunno, in programma sabato 13 e domenica 14 ottobre. A Savona l’evento centrale, in collaborazione con il gruppo FAI Giovani Savona, e con il patrocinio del Comune di Savona, della Società Savonese di Storia Patria e grazie alla disponibilità dell’Agenzia del Demanio, sarà rappresentato dalla visita al carcere di Sant’Agostino (nella foto): per la prima volta apriranno eccezionalmente al pubblico le porte dell’ex prigione mandamentale che ha alle spalle sette secoli di storia.

L’appuntamento è in piazza Monticello 4 e le visite accompagnate inizieranno alle 10 per concludersi alle 17 (ultimo ingresso alle ore 16,30). Assieme alla visita sarà organizzato un trekking urbano lungo le antiche mura di Savona con partenza dal carcere stesso alle ore 10,30, 12 e 14,30. All’interno del carcere sarà allestita anche la mostra fotografica “Zona d’ombra” a cura degli studenti del corso di laurea in scienze della Comunicazione e digital humanities presso il Campus di Savona.

Ad Albenga il tema delle Giornate FAI sarà “L’acqua alle radici di Albenga”. Il Gruppo FAI Giovani Albenga-Alassio per questa edizione ha curato un itinerario che prevede l’apertura di 9 beni monumentali, tra cui la Necropoli romana di Viale Pontelungo, la Cripta di San Michele Arcangelo e la Cripta di Santa Maria In Fontibus mai aperte al pubblico. Inoltre saranno visitabili la Parrocchia di Nostra Signora di Pontelungo, il Pontelungo, l’Area archeologica della Basilica di San Vittore, la Cattedrale di San Michele Arcangelo, la Chiesa di Santa Maria in Fontibus e il Battistero di Albenga (aperto su prenotazione, al costo di 3 euro solo per gli iscritti FAI).

Tre gli argomenti che saranno sviluppati: “L’acqua e il rapporto con la popolazione civile”(il percorso prevede l’apertura di beni che hanno caratterizzato, nei secoli passati, la vita al di fuori delle mura della città); “L’Acqua e il mondo Ecclesiastico” (il percorso tra i beni che hanno invece caratterizzato la vita dentro le mura); e “L’acqua e Albenga Sotterranea”, percorso che intende offrire ai visitatori l’esclusiva possibilità di visitare beni solitamente chiusi al pubblico che caratterizzano il mondo magico dell’Albenga sotterranea.

 

You may also like...