Installate sulla piattaforma di Vado le prime gigantesche torri faro

 

torri faro apm

Alte 32 metri, le prime torri faro sono state posizione nei giorni scorsi sulla piattaforma di Apm Terminals a Vado Ligure. L’impianto di illuminazione è stato studiato ad-hoc per rispondere alle esigenze di un terminal contenitori automatizzato e per evitare l’inquinamento luminoso per le abitazioni circostanti. Complessivamente ne verranno installate 15, che saranno alimentate attraverso la cabina di trasformazione da media a bassa tensione per garantire la visibilità ottimale di tutte le aree operative dei piazzali, dalle aree di stoccaggio dei contenitori refrigerati ai percorsi di viabilità interna, dalle aree di ingresso all’area per il trasferimento dei container, dal fabbricato uffici” a quelli delle officine e deposito.

Nel frattempo già dai prossimi giorni riprenderanno i trasporti su rotaia dal porto di Vado Ligure verso le destinazioni del Nord Italia. Si tratta di servizi messi a punto nei mesi di giugno e luglio, con destinazione Rivalta Scrivia. Partiranno dal Reefer Terminal di Vado – il più grande terminal portuale frigorifero del Mediterraneo, specializzato nello sbarco e stoccaggio di ortofrutta, oggi di proprietà Apm Terminals – e raggiungeranno l’interporto alessandrino, dove ha sede il Rail Hub Europe SpA, centro intermodale di importanza strategica nel sistema logistico del Nord Italia. In questa prima fase, verrà garantita una frequenza minima di 3 treni-blocco alla settimana, completamente composti da carri ribassati e adatti al carico di container “high-cube” (extra altezza).  Sarà la prova generale del complesso sistema di inoltro che dovrà essere attivato quando sarà operativa la piattaforma contenitori vadese.

You may also like...