Tirreno Power dona uno spettrofotometro ai Giovani per la Scienza

 

1

Tirreno Power ha donato uno spettrofotometro all’Associazione Giovani per la Scienza. La consegna e la presentazione del sofisticato strumento che unisce numerose branche della scienza, dalla meccanica quantistica alla chimica, dall’informatica all’elettronica e all’ottica, è avvenuta venerdì scorso nel laboratorio dell’associazione, presso il Campus Universitario di Savona, alla presenza di molti giovani (nella foto).  Alla cerimonia sono intervenuti Chiara Corti e Giampaolo Rabellino (Tirreno Power), Paola Laiolo in rappresentanza del Campus e della società di gestione SPES, Mattia Minuto per l’Unione Industriali di Savona presso cui ha sede l’Associazione Giovani per la Scienza

Giorgio Crepaldi e Alberto Giribaldi, due giovani dell’Associazione, hanno spiegato che la spettrofotometria consiste nello studio della composizione dei materiali per mezzo della meccanica quantistica: lo spettrofotometro illumina i campioni di materiale al suo interno e misura la frequenza dei fotoni emessi, permettendo quindi di riconoscere gli elementi che compongono le sostanze.

“Lo spettrofotometro donato da Tirreno Power è uno strumento molto significativo, risultato di una grande evoluzione storico-scientifica che ha rivoluzionato il modo di vivere dell’uomo, dai computer all’elettronica alla produzione di energia, alle telecomunicazioni – dice Bianca Ferrari, presidente dell’Associazione -. Permetterà ai nostri giovani di portare avanti contemporaneamente la teoria e la pratica di laboratorio, riscoprendo continuamente come non possa esistere l’una senza l’altra. Altrettanto significativo è aver riunito per questa occasione l’Ingegneria del Campus, l’Unione Industriali e Tirreno Power, rappresentanti dell’Università e dell’Industria, due mondi che sono necessariamente legati”.

 

You may also like...