In lieve crescita a fine giugno il numero delle imprese savonesi

 

imprenditori

In Italia, tra aprile e giugno, sono nate 1.000 imprese al giorno mentre 670 hanno chiuso i battenti. Alberghi e ristoranti, commercio e agricoltura cono i settori che sono cresciuti di più in valore assoluto nel trimestre. Attività professionali, servizi alle imprese, sanità e, di nuovo, il settore del turismo e dell’ospitalità quelli che hanno mostrato la dinamica più brillante in termini percentuali.

E’ quanto emerge, in sintesi, dai dati diffusi da Unioncamere-Infocamere sulla natalità e mortalità delle imprese italiane nel secondo trimestre 2018. Anche se positivo, il dato del secondo trimestre di quest’anno segna un rallentamento rispetto al 2017. Il saldo attivo di 31.118 imprese è inferiore di quasi 5 mila unità rispetto allo scorso anno, quando la crescita era stata di 35.803 unità, e riporta le lancette dell’anagrafe imprenditoriale al livello del 2012 (+31.565). Determinante, in questo trimestre, è stato l’andamento delle chiusure (4 mila in più dello stesso periodo 2017), mentre le iscrizioni si sono mantenute in linea con quanto registrato lo scorso anno.

In Liguria le iscrizioni sono state 2.327 e le cancellazioni 1.525, per un saldo positivo di 802 imprese (+0,5% sul trimestre precedente, in linea con la media italiana); a fine giugno lo stock delle imprese liguri era attestato a quota 163.017. Di questa, 30.222 risultato iscritte al Registro delle Imprese della provincia di Savona, dato in crescita di 97 unità nel corso del trimestre a fronte di 433 iscrizioni e 336 cessazioni.  Le imprese savonesi iscritte ai registri camerali sono suddivise in 4.365 società di capitali, 7.284 società di persone, 17.830 ditte individuali e 743 altre forme di imprese.

 

 

You may also like...