Progettista di Perugia chiede 91 mila euro di risarcimento al Comune di Celle

DSCF5799

Finisce in Tribunale la “querelle” promossa da un progettista umbro nei confronti dell’amministrazione comunale di Celle Ligure. Con ricorso per decreto ingiuntivo alla magistratura savonese, l’ingegnere Luciano Blois di Perugia ha chiesto il pagamento di un onorario di 91.400 euro (oltre interessi legali, cassa avvocati, spese accessorie e altro) per un incarico che gli era stato affidato nel 2010 e revocato nel 2012, relativo alla progettazione esecutiva, direzione lavori e coordinamento per la sicurezza di tre distinti impianti fotovoltaici. Si trattava della copertura di un magazzino comunale, del palazzetto dello sport e della tribuna dello stadio Olmo, per un totale di circa 950 pannelli e una potenza complessiva di 200 chilowatt.

Dopo l’affidamento dell’incarico erano sorte, è la tesi del Comune, gravi difficoltà e ritardi nella consegna della documentazione richiesta. Fino a giungere alla revoca dell’incarico, dopo contestazioni formali, “per il persistere di gravi e reiterate inadempienze rispetto agli obblighi contratti”. Con la revoca il Comune di Celle Ligure aveva provveduto alla liquidazione delle competenze maturate.  Ma il tecnico di Perugia non è d’accordo e si è rivolto al Tribunale di Savona.  L’amministrazione comunale si è opposta al ricorso, affidando le proprie ragioni agli avvocati Marco Barilati e Simone Massacano di Genova e all’avvocato Federico Barbano di Savona.

You may also like...