Apre il corso per guida alpina, ma servono anni di esperienza

rocciatrice

Il Collegio Regionale Guide Alpine della Liguria, che ha sede presso la sede comunale di Finale Ligure, in collaborazione con la Regione Liguria, ha fissato le date per lo svolgimento delle prove attitudinali per l’accesso al corso per Aspirante Guida Alpina (ciclo formativo 2019/20). Requisiti indispensabili per partecipare sono preparazione tecnica e fisica adeguate, esperienza in scialpinismo, in arrampicata su roccia, neve, ghiaccio e misto. L’accesso alle prove attitudinali richiede la presentazione, entro il prossimo 10 gennaio, della domanda di iscrizione e del curriculum alpinistico.

Verificati i requisiti del curriculum, ai candidati sarà comunicata l’ammissione alle prove pratiche, che si svolgeranno in due fasi: sessione invernale: 5-6 febbraio 2018 (prove di sci, ghiaccio, misto); sessione estiva: 14-15 maggio 2018 (prove su roccia). Le domande dovranno pervenire al Collegio Liguria tramite raccomandata A/R o tramite PEC all’indirizzo: collegioguidealpineliguria@pec-legal.it

Per diventare guida alpina occorre seguire un laborioso percorso di formazione al fine di garantire l’abilità tecnica e l’esperienza necessarie a gestire la sicurezza dei praticanti. L’iter formativo prevede un test d’accessibilità tecnica (le prove attitudinali). Superata questa prima fase il candidato ha accesso al corso di formazione di “Aspirante Guida Alpina“, primo grado dell’attività (1.500 ore di corso). L’aspirante guida è una figura professionale che, entro certi limiti, può esercitare accompagnando i propri clienti. Dopo un periodo di almeno due anni di pratica, si può accedere al corso finale (140 ore) per concludere l’iter formativo con l’ottenimento della qualifica di Guida Alpina.

You may also like...