Area di crisi: il Pastificio Plin potenzia l’attività a Villanova d’Albenga

PLIN-14

Il Pastificio Plin di Villanova d’Albenga è pronto per la “fase 2”. Entrata lo scorso anno nell’orbita del gruppo Colussi di Trieste, l’azienda è intenzionata a potenziare la propria attività nel settore della produzione di specialità alimentari, costituita da pasta fresca, semifresca, ripieni e altre produzioni gastronomiche. Il potenziamento comporterà un incremento delle materie prime lavorate, e in particolare della farina per la quale è previsto il superamento dei 300 chilogrammi al giorno. Tra l’altro, lo stabilimento di Villanova ricade nell’area di crisi complessa savonese e potrà beneficiare delle agevolazioni previste dalla legge.

Come adempimento preliminare è stato quindi ritenuto opportuno richiedere l’autorizzazione alle emissioni in atmosfera, in precedenza non richiesta tenuto conto dei quantitativi di prodotti lavorati. L’Amministrazione provinciale, competente per il rilascio delle autorizzazioni uniche ambientali, ha dato nei giorni scorsi il via libera all’istanza aziendale. Le emissioni sono costituite principalmente dalle operazioni di movimentazione delle farine all’avvio dell’impasto, prima che l’aggiunta di acqua eviti il rilascio di farina in polvere.

Avviata a fine anni Novanta a Ceriale, l’attività di Pastificio Plin è oggi svolta all’interno di un capannone da 1600 metri quadrati, non lontano dall’aeroporto villanovese, ed occupa 22 dipendenti. I prodotti principali sono ravioli, pansotti e trofie distribuiti in tutto il Nord Ovest italiano ma con un export consistente, pari ad oltre un terzo della produzione. Il fatturato annuo si aggira intorno ai 2 milioni di euro. La partnership con Colussi prevede anche investimenti nella commercializzazione e per l’ampliamento della gamma produttiva, in collaborazione con esperti di alimentazione e gastronomia e con l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

Controlli costanti garantiscono la qualità sia delle materie prime sia del prodotto, accertata dalla certificazione ISO9001. L’azienda attualmente lavora ogni anno 175 tonnellate di farina, 111 di verdure, 30 di carne, oltre a latticini, uova, pesce, spezie.

You may also like...