A Savona il primato nazionale dei reati informatici (uno ogni 222 abitanti)

POLIZIA POSTALE

La Liguria, con una denuncia all’autorità giudiziaria ogni 246 abitanti, è la regione con la più elevata frequenza di reati informatici, trainata dalla provincia di Savona, che è la provincia italiana con la più elevata densità di questo tipo di crimini con un reato ogni 222 abitanti. È quanto emerge da un’analisi condotta da DAS, compagnia di Generali Italia specializzata nella tutela legale, che con “Difesa Web” assiste in giudizio i cittadini vittime di frodi informatiche e fornisce strumenti di monitoraggio per prevenire furti d’identità e altre truffe online.

“La nostra ricerca – spiega Roberto Grasso, amministratore e direttore generale di DAS – evidenzia un fenomeno preoccupante. Nel periodo che abbiamo analizzato le denunce delle forze di polizia all’autorità giudiziaria per reati informatici sono cresciute in Italia di oltre il 51%, con un’incidenza di un reato ogni 393 abitanti. I danni economici per chi subisce questo tipo di reato possono essere rilevanti e a volte difendersi in giudizio può essere complicato e richiedere tempi lunghi. Abbiamo creato “Difesa Web”, in risposta alle due principali esigenze espresse dal mercato: da un lato l’aspetto di prevenzione e monitoraggio dei propri dati, dall’altro il supporto legale necessario in caso furto d’identità”.

In Liguria, il fenomeno è molto diffuso anche nelle province di Genova (1/250), La Spezia (1/255) e Imperia (1/260), che a livello nazionale si classificano rispettivamente al 4°, 5° e 6° posto. Secondo quanto rilevato da DAS, tra il 2010 e il 2015, le denunce per reati informatici sono più che raddoppiate nelle province di Imperia (+115) e Genova (+109%). Incrementi rilevanti si registrano anche a La Spezia (+93%) e Savona (+83%). Mediamente in Liguria le denunce per questo tipo di crimini sono cresciute quasi del 102%.

A livello nazionale, dopo la Liguria, le regioni con la più alta densità di crimini informatici sono Molise (1 denuncia ogni 290 abitanti) e Valle d’Aosta (1/294). DAS segnala un’elevata densità di questi crimini anche in Campania, dove nel 2015 si è registrata una denuncia ogni 328 residenti, Piemonte (1/343) e Friuli Venezia Giulia (1/349). Puglia (1 denuncia all’autorità giudiziaria ogni 503 abitanti), Sicilia (1/496) e Basilicata (1/483) sono le regioni con la più bassa frequenza di reati informatici.

In caso di furto d’identità o utilizzo illecito da parte di terzi dei dati personali e finanziari del cliente, entrerà in gioco la copertura assicurativa di “Difesa Web”, che offre l’assistenza legale per presentare agli organi di polizia la denuncia contro il truffatore e per la ricerca di prove a propria difesa.

You may also like...