L’Inquieto dell’Anno è il grecista Luciano Canfora

canfora-luc-papiro-artemidoro

Il Premio Inquieto dell’Anno, edizione numero 19, è stato attribuito a Luciano Canfora, filologo classico, storico e saggista italiano di fama internazionale. La cerimonia di premiazione si terrà domenica 9 ottobre, al Teatro Chiabrera (ore 21), al termine di una tre-giorni di eventi culturali organizzati dal Circolo degli Inquieti, con il patrocinio del Comune di Savona e della Repubblica Ellenica Consolato Generale di Milano, e il contributo della Fondazione De Mari e della Camera di Commercio Riviere di Liguria.

“Caratteristica comune dell’inquieto è la vivacità intellettuale e sentimentale, – spiega il Circolo -, il desiderio mai completamente soddisfatto di conoscere e di conoscersi, di comprendere se stesso e gli altri e di intraprendere iniziative e avventure nuove. Caratteristiche che certo non mancano a Luciano Canfora, spirito colto, dall’aspetto severo e ascetico, dalla capigliatura all’indietro sul volto scarno, con occhiali tondi che lasciano passare uno sguardo acuto inquieto ed attento”.

Professore emerito di filologia greca e latina all’Università di Bari, Canfora (nella foto alle prese con il Papiro di Artemidoro, da lui definito “un falso meraviglioso”) è profondo conoscitore della cultura classica, membro dei comitati direttivi di prestigiose riviste nazionali, come “Limes”, ed internazionali, come “Journal of Classical Tradition” di Boston e la iberica “Hystoria y critica”, e fa parte del Comitato scientifico dell’Enciclopedia Treccani e della Fondazione Gramsci. Elzevirista del Corriere della Sera, dirige e coordina un’opera, “Lo spazio letterario della Grecia antica”, che gli è valsa, oltre alla Medaglia d’oro ai benemeriti della scienza e della cultura della Repubblica Italiana, anche la Croce d’onore del Presidente della Repubblica Ellenica nel 2005.

In omaggio a Canfora, gli eventi che precederanno la consegna del Premio Inquieto dell’Anno avranno come filo conduttore la Grecia e la grecità, temi che saranno sviluppati attraverso incontri con autorevoli ospiti, un “viaggio nell’Ellade tra poesia, musica e teatro” ed un’apericena inquieta, che si terranno a Savona dal 7 al 9 ottobre.

Nelle passate edizioni il Premio Inquieto dell’Anno è stato assegnato a: Valeria Golino, Ramin Bahrami, Guido Ceronetti, Ferruccio De Bortoli e gli abitanti dell’Aquila, Renato Zero, Elio (di Elio e le storie tese), don Luigi Ciotti, Milly e Massimo Moratti, Raffaella Carrà, Régis Debray, Costa Gavras, Oliviero Toscani, Barbara Spinelli, Antonio Ricci, Gino Paoli, Francesco Biamonti, Gad Lerner, Carmen Llera Moravia.

You may also like...