Nuovi nomi per la Fondazione Museo della Ceramica

ceramica-museum-1

Anche la Fondazione De Mari, dopo il Comune di Savona, cambia “cavalli” nell’accidentato percorso verso la costituzione del consiglio di amministrazione della Fondazione Museo della Ceramica. L’avvocato Roberto Romani, già presidente della “De Mari”, e il presidente di Confcommercio Albenga Lorenza Giudice, che erano stati designati nel consiglio della costituenda Fondazione dal precedente consiglio di amministrazione, hanno ritirato la loro disponibilità a ricoprire l’incarico. Il nuovo Cda della Fondazione De Mari ha preso atto della correttezza formale della loro scelta e, come segnale dell’importanza attribuita al definitivo decollo del sistema museale savonese, ha indicato come componenti del consiglio di amministrazione della Fondazione Museo della Ceramica i vertici stessi della “De Mari”, ovvero il presidente Federico Delfino e il segretario generale Giulio Tarasco. Terzo rappresentante della Fondazione De Mari nel nuovo Cda sarà la già nominata Cecilia Chilosi, studiosa ed esperta di ceramica che assieme ad Eliana Mattiauda aveva curato l’allestimento del Museo, aperto alla fine del 2014.

Il consiglio di amministrazione del Museo, che per statuto avrà cinque componenti, sarà completato da un rappresentante del Comune di Savona e da un membro indicato, a rotazione, dalla Camera di Commercio e dai Comuni di Albissola Marina e Superiore. Nel luglio scorso il nuovo sindaco di Savona Ilaria Caprioglio ha indicato come componente del Cda l’avvocato Luca Barbero, correggendo l’indicazione del predecessore, Federico Berruti, che aveva proposto la nomina del varazzino Giovanni Giusto. Ora si attende l’ultima nomina, che dovrà essere deliberata dalle amministrazioni comunali albisolesi. Poi la Fondazione Museo della Ceramica potrà finalmente passare dallo stato di “costituenda” a quello di “costituita”.

You may also like...