Approvato lo statuto della Camera Riviere di Liguria

DSCF2067

Il consiglio della Camera di Commercio Riviere di Liguria, riunito nella sede di Palazzo Lamba Doria a Savona, ha approvato ieri lo statuto del nuovo ente unico che da fine aprile unisce le vecchie strutture camerali di Imperia, La Spezia e Savona. A livello di assetto organizzativo, lo statuto prevede che nell’ambito della giunta, oltre al presidente, siano nominati due vicepresidenti. Al vicepresidente in carica, Enrico Lupi, di Imperia, se ne affiancherà un secondo che, con ogni probabilità, sarà espressione della provincia di La Spezia, tenuto conto che il presidente, Luciano Pasquale, è savonese.

E’ stato lo stesso presidente a illustrare il documento fondativo della Camera Riviere di Liguria, soffermandosi sulle novità più significative. La principale riguarda l’istituzione di tre distinte consulte territoriali, una per ogni provincia, con compiti di fare proposte e dare pareri su questioni che interessano le imprese locali. Ne faranno parte rappresentanti di associazioni, organizzazioni sindacali, ordini professionali, indicati direttamente dal consiglio camerale. A presiedere ciascuna consulta sarà un membro della giunta camerale, indicato dalla stessa giunta.

Il consiglio camerale di ieri ha anche provveduto all’approvazione degli ultimi bilanci consuntivi delle tre camere di commercio di Imperia, La Spezia e Savona, ed ha approvato alcune modifiche allo statuto di Unioncamere Liguria rese necessarie dall’accorpamento tra i tre enti.

You may also like...