Fronte mare di Vado: un avvocato per tutelare il Comune

DSCF3484

Lite tra imprese sul fronte mare di Vado Ligure e ad andarci di mezzo è l’amministrazione comunale che ha dovuto rivolgersi ad uno studio legale per scongiurare il rischio di dover pagare due volte gli stessi lavori. Materia del contendere sono due interventi realizzati nell’ambito del riassetto costiero sostenuto da fondi europei. Il primo riguarda la riqualificazione dei giardini Colombo (quelli del Monumento ai Caduti), appaltata e realizzata dalla società Betonbit di Savona. Il secondo è l’appalto relativo alle opere di messa in sicurezza del tratto terminale del torrente Segno (nella foto) aggiudicato all’impresa SCA Genova Srl.

Le due società avevano regolarmente chiesto e ottenuto di poter subappaltare una parte dei lavori. Il problema è che le imprese subappaltatrici, eseguiti gli interventi richiesti, hanno scritto al Comune affermando di non essere state pagate dalle imprese appaltatrici e che pertanto dovrà essere l’Amministrazione comunale a procedere con un pagamento diretto. Nel frattempo il Comune aveva già corrisposto quanto dovuto a Betonbit e SCA, e quindi, per evitare danni collaterali, si è rivolto allo studio legale dell’avvocato Matteo Repetti di Genova, non potendo escludere la necessità di agire eventualmente in giudizio.

 

You may also like...