Fabbriche Aperte: 900 ragazzi in festa a Savona e Cairo

f 1 1

L’edizione 2016 di Fabbriche Aperte, l’iniziativa di orientamento scuola – lavoro promossa dall’Unione Industriali di Savona con la partecipazione di Regione Liguria, Camera di Commercio e Autorità Portuale di Savona, è in dirittura d’arrivo. Due manifestazioni finali, mercoledì 25 maggio al Teatro Chiabrera di Savona e martedì 31 maggio al Teatro di Città di Cairo Montenotte vedranno protagonisti i 900 ragazzi di seconda media e le 17 aziende della provincia che hanno partecipato all’iniziativa.

Una doppia festa di fine anno scolastico anticipata, nel corso della quale saranno consegnati i premi ai 39 vincitori (uno per ciascuna classe) del concorso “Alla conquista di una mente scientifica”, realizzato con il supporto operativo dell’Associazione Giovani per la Scienza e del Consolato Provinciale di Savona della Federazione dei Maestri del Lavoro d’Italia.

Intanto sono stati resi noti i risultati del sondaggio realizzato tra i ragazzi attraverso un questionario compilato al termine delle visite in azienda. Il dato chiaro è che nella percezione degli studenti l’attività industriale è un pilastro fondamentale dell’economia per prodotti, servizi e numero di persone impiegate.

Emerge una maggiore informazione ed una maggiore predisposizione a scegliere il percorso formativo in linea con l’evoluzione del mondo del lavoro e le esigenze della realtà produttiva locale. Il 56,9% dei ragazzi (contro il 57, 4% dell’anno scorso) è orientato a scegliere u8na scuola ad indirizzo tecnico scientifico. Tra costoro, la maggioranza è rappresentata dai maschi (l’89 %), ma c’è la conferma dell’attenzione che le ragazze savonesi rivolgono ai percorsi scientifici, con una percentuale che si assesta al 22% (23,2% dello scorso anno e il 14,7% del 2014) con una propensione per medicina, veterinaria e, a seguire, biologia.

Leggermente in calo chi ha le idee chiare sulla professione che vorrebbe intraprendere. Le ragazze risultano più decise rispetto ai maschi, (il 51% ha già scelto, in linea con il 52,4 dell’anno scorso), ma sono ancora fortemente orientate verso materie umanistiche e letterarie. Spunta un nuovo indirizzo: la scelta di carriere all’interno delle forze dell’ordine (Polizia e Carabinieri) con l’1,3 %.

Medici, veterinari, biologi, ingegneri, ma anche meccanici, idraulici, elettricisti, tecnici di laboratorio: le professioni tecniche e manuali vengono indicate come possibili scelte future da   oltre il 56 % dei giovani studenti (73 % maschi, 27% femmine). Marcata l’attitudine ad attività legate alla vocazione turistica del territorio, soprattutto con l’indicazione della carriera di chef per i maschi (3,2%).  In lieve flessione la scelta dell’insegnamento, indicato dal 20% delle ragazze (22,1 % del 2015) con un incremento delle attività di giornalista e fotografa.

Tutti affascinati dalla visita alle aziende, ritenuta molto interessante dall’82% dei partecipanti, soprattutto per le tecnologie applicate ed i laboratori. D’altra parte il 97% dei ragazzi ha detto di avere a disposizione un pc, o un tablet o uno smartphone.

You may also like...