Tracciabilità informatica per gli allevamenti liguri

boviniLa giunta regionale ha stanziato 180 mila euro a sostegno del settore zootecnico. «Destiniamo 180 mila euro all’Associazione Regionale Allevatori della Liguria per iniziative zootecniche in cui rientrano una serie di attività a supporto del settore, in prevalenza per gli allevamenti di bovini da latte e da carne, ma anche di ovini e caprini» ha spiegato l’assessore all’Agricoltura e Zootecnia Stefano Mai.

Si tratta in particolare di supporto alle attività di selezione del bestiame e controlli funzionali che aiutano gli allevatori nella gestione delle aziende e nella registrazione nel sistema informatico nazionale delle varie razze allevate. «Riguardo agli allevamenti di capi da latte –ha spiegato l’assessore Mai –, i dati sono riferiti ai quantitativi prodotti e alla qualità del latte, mentre per gli allevamenti da carne registrano gli aumenti di peso dei capi e la genealogia degli animali. Tutti elementi che facilitano una maggiore tracciabilità del prodotto finale e quindi sono indispensabili per la riconoscibilità delle nostre produzioni di eccellenza».

«Il settore zootecnico ha il pieno sostegno della Regione per intraprendere quella svolta indispensabile per dare una prospettiva a medio termine ai nostri allevatori – ha aggiunto l’assessore – ora che la commissione Politiche agricole della conferenza Stato-Regioni ha trasmesso al ministero la mia proposta, condivisa da tutte le Regioni, di rendere obbligatoria la tracciabilità delle materie prime utilizzate nei prodotti lattiero-caseari mi aspetto risposte celeri da parte del Governo sulla strada della valorizzazione del made in Italy di un comparto strategico per l’economia dei territori, ma da troppo tempo in crisi».

You may also like...